PRESENZA

The portrait is inspired by Orlando, the androgynous protagonist ofVirginia Wolf’s literary work.

He/she lives his/her lives through the 17th – 18th – 19th centuries and wakes up one day in the shoes of a woman, changing sex. In the cross-section of english society of the various periods in which his adventures unfold, he/she demonstrates his/her refractoriness to the patriarchal culture and to the behavioral rules imposed by customs.

The painting does not declare a similarity, nor the genre to which the portrayed or portrayed belongs, but conveys its intensity and mystery.


Il ritratto si ispira ad orlando, l’androgino protagonista dell’opera letteraria di Virginia Wolf.

Vive le sue vite attraverso i secoli xvii – xviii – xix e si sveglia un giorno nei panni di una donna, cambiando sesso. nello spaccato della società inglese dei vari periodi in cui si snodano le sue avventure, egli/ella dimostra la propria refrattarietà alla cultura patriarcale e alle regole comportamentali imposte dalle consuetudini. 


Il dipinto non dichiara una somiglianza, né il genere di appartenenza dell’effigiato o dell’effigiata, ma ne trasmette l’intensità e il mistero.

ESTETICHE GEOMETRICHE

In geometric abstraction I use shapes and colors that inhabit the world of graphics and design. In addition to Orphic Cubism, I am particularly inspired by Kandinsky and Lazlo Moholy-Nagy and by the invaluable source of research that has sprung from the Bauhaus school.

I create backgrounds and graphic forms collaging opaque and transparent colors that are very often grafted into the plasticity of the portraits.


Nell’astrazione geometrica uso forme e colori che abitano il mondo della grafica e del design. Oltre al Cubismo Orfico, sono particolarmente ispirata da Kandinskij e Lazlo Moholy-Nagy e dalla inestimabile fonte di ricerca che è scaturita dalla scuola del Bauhaus.

Campiture e forme grafiche formano un collage di colori opachi e trasparenti che molto spesso sono innestati nella plasticità dei ritratti.

MANGA POP

The Manga Pop series takes reference from the aesthetics of Manga and Anime, popular myths of Japanese visual culture. Manga originated in the eighteenth century by the hand of the master Hokusai, who referred to them by indicating among his drawings the most “strange”.


In the twentieth century their practice is influenced by Western comics, the master Tezuka contributes to their diffusion by starting the Modern Japanese Manga. Since the seventies and eighties they have given life to animated films called Anime.


La serie Manga Pop prende riferimento dall’estetica dei Manga e delle Anime, miti popolari della cultura visiva giapponese. I Manga hanno origine nel XVIII secolo per mano del maestro Hokusai, il quale si riferiva ad essi indicando tra i propri disegni quelli più “strani”.

Nel XX secolo la loro pratica subisce le influenze dei fumetti occidentali, il maestro Tezuka contribuisce alla loro diffusione dando inizio al Manga Giapponese Moderno. Dagli anni settanta e ottanta essi danno vita ai film di animazione detti Anime.